Dieta FODMAP e test di tolleranza di nuovi alimenti

2 Agosto, 2021 ,

Se state seguendo una dieta a basso contenuto di FODMAP* saprete che c’è un protocollo molto preciso da seguire. Inizialmente si procede con la fase di eliminazione dei FODMAP, poi, una volta che i sintomi sono scomparsi, si continua con la fase dei test di reintroduzione seguendo un rigoroso protocollo, al fine di identificare le famiglie di FODMAP che provocano i sintomi. Infine, c’è la fase di mantenimento, durante la quale gli alimenti contenenti le famiglie di FODMAP ben tollerate vengono reintegrati nell’alimentazione di tutti i giorni per adottare una dieta il più possibile varia ed equilibrata.

È importante ricordare che le vostre tolleranze possono cambiare nel tempo.

Testare la propria tolleranza rispetto a nuovi alimenti

I test di reintroduzione sono di fondamentale importanza, perché ci permettono di individuare la famiglia o le famiglie responsabili dei nostri disturbi digestivi. Una volta che i test sono completati si può regolare la dieta al proprio livello di tolleranza, continuando a monitorare i sintomi.

Il problema è che la Monash University non ha ancora testato tutti gli alimenti, quindi ci possono essere alcuni cibi che vorreste aggiungere alla vostra dieta ma avete paura di farlo perché non conoscete il loro contenuto di FODMAP. Questo discorso è ancora più importante per i prodotti lavorati. Quindi cosa fare?

In realtà è molto semplice. Una volta che avete fatto i test di reintroduzione, tenendo sotto controllo i vostri sintomi con la vostra dieta più varia, potete testare la vostra tolleranza a cibi specifici non testati da Monash.

Il protocollo da seguire è lo stesso di quello della reintroduzione:

– Aspettate di non avere più alcun sintomo.

– Fate dei test per 3 giorni consecutivi:

Iniziate il giorno 1 con una piccola quantità (circa ¼ della porzione che prendereste normalmente) del cibo che volete testare. Fate attenzione a non includere nessun nuovo cibo allo stesso tempo.

Monitorate la vostra risposta ai sintomi nelle successive 24 ore.

  • Se non avete sintomi, aumentate il giorno 2 le quantità testate (circa ½ porzione di quello che mangereste normalmente) e anche il giorno 3 (la quantità di cibo che mangiate normalmente).
  • D’altra parte, se tra due test avvertite dei sintomi lievi o un po’ di disagio, potreste testare di nuovo la stessa quantità il giorno seguente, e valutare la vostra tolleranza alla ripetizione. Alla fine dei test potrete decidere se questi sintomi sono gestibili o meno. In questo modo conoscerete la vostra tolleranza e cosa aspettarvi quando mangiate questi alimenti.
  • Se in qualsiasi momento avvertite sintomi acuti, interrompete il test ed evitate per adesso quell’alimento. Potete rifare il test in un secondo momento per vedere se la vostra tolleranza è cambiata.

Un consiglio: Cercate di non stressarvi troppo immaginando i vostri potenziali sintomi prima delle prove di reintroduzione. Sarebbe un peccato provare dolore/disagio che non è realmente legato al cibo ma allo stress e all’ansia della sua reintroduzione.

Tenete a mente che l’obiettivo di tutto questo processo è quello di sentirsi bene e di essere in grado di mangiare con gusto la più ampia varietà di cibi possibile.

Se pensate che vi occorra un aiuto, le nostre nutrizioniste sono pronte a sostenervi nel vostro viaggio, per aiutarvi a variare la vostra dieta e a riprendere il controllo dei vostri sintomi.

*I FODMAP sono dei glucidi che fermentano nell’intestino, in parte responsabili dei sintomi nelle persone che soffrono di colon irritabile. Per maggiori informazioni, leggete quest’articolo.

Fonti

Monash University. 2016.  « Testing your tolerance to untested foods ». https://www.monashfodmap.com/blog/testing-your-tolerance-to-untested-foods/ [consultato 30 luglio 2021].

The following two tabs change content below.

Autori

Jennifer Morzier

Jennifer Morzier

Dietista-Nutrizionista membro dell’Albo professionale dei dietisti-nutrizonisti del Québec (OPDQ) , Jennifer è specializzata sia in nutrizione sportiva che in problematiche gastrointestinali, tra cui la dieta FODMAP. Jennifer propone una visione semplice, efficace e pratica riguardo la pianificazione dei pasti quotidiani.

Jennifer Morzier

Articoli recenti diJennifer Morzier (vedi tutti)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito web utilizza dei cookie per offrire la migliore esperienza utente e assicurare buone prestazioni, la comunicazione con i social network o la visualizzazione di annunci pubblicitari. Cliccando su "ACCETTO", acconsenti all'uso dei cookie in conformità con la nostra politica sulla privacy.

La nostra newsletter settimanale include:

  • Il tuo nuovo menu
  • Ricette e consigli su come mangiare sano
  • Ogni tanto, promozioni su prodotti e servizi di SOSCuisine e alcuni partner di fiducia
  • Ogni tanto, inviti ad aiutare la ricerca scientifica, rispondendo a sondaggi o participando a studi
  • Il tuo indirizzo email non sarà mai trasmesso a terzi e potrai ritirare il tuo consenso in qualsiasi momento.
SOSCuisine, 3470 Stanley, bureau 1605, Montréal, QC, H3A 1R9, Canada.